“Tu non cantavi mai la sera, tu non cantavi mai” (3)

“L’Italia che vuole Renzi è un’Italia di sinistra o di destra? Una cosa è certa, lui si sente di sinistra. Che significa? Per Renzi essere di sinistra vuol dire cambiare: “La sinistra che non cambia si chiama destra”. E a sinistra si sente quando si circonda di imprenditori a cui chiede di impegnarsi: “Essere di sinistra non è parlare di lavoro ma è creare un … Continua a leggere “Tu non cantavi mai la sera, tu non cantavi mai” (3)

Tu non cantavi mai la sera, tu non cantavi mai. (2)

“«la legalità è di sinistra», lo slogan agitato dal sindaco di Firenze contro l’amnistia, rappresenti una gigantesca castroneria. La legalità è l’espressione di un ordinamento vigente, buono o cattivo che sia. Del sistema dell’apartheid così come della democrazia svizzera, la più antica e referendaria d’Europa. La destra, semmai, è solita mostrare maggior pudore nell’arrogarsi il monopolio sulla «legalità», considerandolo forse più «naturale». Ma lasciamo perdere … Continua a leggere Tu non cantavi mai la sera, tu non cantavi mai. (2)

“Tu non cantavi mai la sera, tu non cantavi mai” (1)

«L’Italia ha perso tempo in questi ultimi venti anni, ha perso tempo e occasioni, non accettiamo l’idea che ci portino via la speranza» http://www.corriere.it/politica/13_ottobre_12/renzi-bari-la-candidatura-segretario-pd-d71bfd40-334d-11e3-b13e-20d7e17127ae.shtml “Tu con lo sguardo eretto all’avvenire. Fisso al sole nascente ed adirato all’imbrunire. Tu non cantavi mai la sera, non cantavi mai Tu non cantavi mai la sera non cantavi mai”” Continua a leggere “Tu non cantavi mai la sera, tu non cantavi mai” (1)