Elogio dell’odio, di Pecorella, del carabiniere e dell’estremismo

Diciamolo senza peli sulla lingua, l’odio è una cosa buona. L’intolleranza è una cosa buona. La tolleranza è sempre falsa. L’amore è sempre esclusione di qualcuno che non si vuole amare, il terzo che rimane fregato. Il dialogo è fonte di conflitti. Il linguaggio è quello che ci fa violenti verso noi stessi e gli altri, che ci aliena da noi stessi e dagli altri. … Continua a leggere Elogio dell’odio, di Pecorella, del carabiniere e dell’estremismo

Babbo mio dammi l’articolo 18 che in America voglio andare

Bussava da almeno un’ora alla porta dell’officina. La serata era stata stranuccia,  quelle nottate di alcool e mondiali di bestemmie che ti fai davanti al flipper. Poi lo sanno tutti, il Segreto del flipper era tutto nel bacino. Come muovevi quello si muoveva pure la pallina. E tanti questo proprio non lo capivano, sfuggiva giù la sfera, e si dedicavano ai primi cassoni elettronici. Non … Continua a leggere Babbo mio dammi l’articolo 18 che in America voglio andare

Chi cazzo è Pietro Citati?

Ieri era il compleanno di Ligabue. (e speriamo sia l’ultimo) (no va bé si scherza, la morte non si augura nessuno) (forse) (dipende) ( se scrivi una canzone come questa pure un poco tronfio, un poco meriti di morire) (ma solo un poco)(diciamo musicalmente(per poi rinascere chiaro)). Ma è anche perché questi giorni, fra le puzze dei nasi troppo alti per mischiarsi con il popolino, Faletti … Continua a leggere Chi cazzo è Pietro Citati?